Perché integrare i video nella vostra strategia di web marketing?

Il tempo è una risorsa preziosa: ne abbiamo sempre meno a disposizione e per i brand diventa sempre più difficile attirare l’attenzione del loro pubblicoNon è un caso che nei principali siti di notizie si sia diffusa la pratica di inserire all’inizio di ogni articolo i minuti che impiegherai per leggerlo – a proposito questo lo leggerete in 1.50 minuti 🙂 

I video, d’altro canto, sono uno strumento più fruibile, immediato e più coinvolgente: in un arco di tempo inferiore riescono a raccontare una storia o presentare un prodotto in maniera più efficace.

Live video, spot commerciali, streaming video: non è solo una tendenza in aumento sui social network, i video hanno proprio invaso la nostra vita – pensate che ogni giorno pubblicano le loro stories su Instagram e Whatsapp più di 300 milioni di persone!

Nel 2017 sono stati uno degli strumenti più utilizzati per le strategie di web marketing e non è un segreto che continueranno a esserlo. 

Il motivo è semplice e non c’è bisogno delle analisi statistiche per capirlo: i video sono diventati lo strumento più amato da social addicted, influencer, brand e non solo – chi non si è mai soffermato sulle mini storie di Freeda, le video-informazioni di Repubblica e dell’Huffington Post, i mini spot di Adidas, gli spettacolari girati Nasa o NatGeo? – e di conseguenza risultano il contenuto con il più alto tasso di coinvolgimento. 

Non siete ancora convinti?

Se proprio avete bisogno di dati, eccone alcuni:

  • il 98% trova i video molto utili quando deve prendere una decisione sull’acquisto di un prodotto;
  • il 94% ha visto un video la scorsa settimana;
  • il 71% dice che guardando un video è più propenso ad avere un’impressione positiva di un brand;
  • Google privilegia i contenuti video;
  • i contenuti visual incoraggiano le condivisioni sui social network;
  • i post video su Facebook hanno il doppio di visualizzazioni rispetto ad altri tipi di post.

Integrare i video nella propria strategia di web marketing, quindi, non equivale solo a consolidare il rapporto tra il brand e il suo target ma anche a cogliere l’opportunità di trovare un nuovo pubblico. L’importante è non perdere di vista il quadro generale: non è necessario che il video diventi virale e spendere tutto il budget destinato all’advertising ma ricordare che non conta in quanti abbiano visto il video, ma CHI l’abbia visto, coinvolgendo il pubblico giusto con i contenuti giusti.

Se non l’avete ancora fatto, adesso è il momento! 

, , , , ,
Articolo precedente
Un nuovo brand tra i banchi di AGS 
Articolo successivo
Arrivano nuovi contributi e voucher per le PMI campane

Ti potrebbe interessare

Menu